Masserie: dimore rurali nel territorio di Ostuni

Diviso in "selva", zona collinare esposta a Mezzogiorno, e "Marina", piana degli ulivi e costa adriatica, esposta a Nord, è costellato da corpi di fabbrica dette "masserie" che richiamano le "masse di terre" degli antichi feudi.

 Le masserie, veri gioielli dell'architettura rurale salentina con influenza spagnoleggiante, costituivano il nucleo abitativo del signore e del "massaro", con annessi utilizzati per i ricoveri degli animali e delle derrate alimentari.


Le masserie della "marina" di Ostuni si distinguono per la presenza di estese piantagioni olivetate secolari e per la presenza di frantoi ipogei, anche di epoca medievale, dove, le olive raccolte venivano molite per ricavarne olio pregiato.

Molte di queste dimore  ricavate dalle  antiche masseria e ristrutturate offrono un servizio di bed and breakfast e albergo.  Contornate da boschi e pascoli queste strutture offrono uno scenario unico, da cui partire per trascorre una vacanza indimenticabile con itinerari che percorrono in lungo e largo il Salento.

Da quegli alberi secolari che la natura ha disegnato e scolpito con la sua forza maestra, si estrae ancora dell'ottimo olio dai distinti e delicati profumi e sapori mediterranei.

Le masserie della "selva" di Ostuni, posizionate in altura, presentano aie e mura di cinta con annesse chiesette; i terreni di questi antichi feudi erano adibiti alla semina ed al pascolo; macchie boschive caratterizzano ancora oggi questi luoghi salubri.